Lufthansa experience

Voglia di caldo? Viaggio tra i vigneti della Napa Valley

20 dicembre 2017 277 0 0

Tra le sunny destination natalizie più ambite e particolari, scegliere la California è sinonimo di buon gusto e di una preferenza mirata. Con Lufthansa puoi volare dai maggiori aeroporti italiani in direzione Los Angeles o San Francisco e poi addentrarti nel mite e rigoglioso stato USA per raggiungere una delle sue mete turistiche enogastronomiche più importanti: la Napa Valley, nella contea di Napa, a nord della città del Golden Gate Bridge, conosciuta in tutto il mondo per i suoi vigneti e le sue cantine.

Nonostante questa zona della California sia stata colpita nell’ottobre 2017 da terribili incendi – i più devastanti degli ultimi 50 anni – che hanno distrutto ettari ed ettari di vigneti, la maggior parte delle attività nella Napa Valley sono già riprese a pieno ritmo ed hanno riaperto le loro porte al pubblico.

La contea di Napa (Napa County) fu una delle prime contee dello Stato della California, creata nel 1850. Il termine napa è di origine nativa americana e può essere tradotta come “orso grizzly“, “casa” o “paese natio“.
La contea dista un’ora di auto da San Francisco ed è conosciuta per la sua produzione di vino, che dagli anni sessanta si è sviluppata fino a raggiungere i livelli delle migliori regioni vinicole della Francia e dell’Italia. Le bellezze naturali, un clima di tipo mediterraneo e la vicinanza alle principali città della California del Nord – oltre a San Francisco, anche Oakland e Sacramento – ne ha fatto una delle zone più piacevoli da vivere degli Stati Uniti, nonché una delle più interessanti da visitare.

La località ha ormai raggiunto infatti un altissimo livello in termini non solo di fama, ma anche di qualità del vino. Il terreno della valle è adatto ad ospitare un’ampia gamma di vitigni, utilizzati per realizzare i vini più diversi, dallo champagne allo chardonnay, passando per lo zinfandel: ce n’è davvero per tutti i gusti.

Questa regione incastonata tra le montagne e il mare vanta, neanche a dirlo, paesaggi di una bellezza straordinaria. Cosa rende unico un viaggio nella Napa Valley? Le colline, i ristoranti raffinati, i bed and breakfast e le spa ma, soprattutto, i suoi oltre 18.000 ettari di vigneti. Il clima, caratterizzato da tanto sole di giorno e da notti piacevolmente ventilate è perfetto per la produzione del vino e ideale per un tour dei vigneti in bici, in auto decappottabile o – perché no? – persino in limousine.

Per gustare in tutti i sensi queste incantevoli vallate è sicuramente consigliabile noleggiare un’auto, anche se molti apprezzano il Napa Valley Wine Train che, per gran parte dell’anno, offre un tragitto panoramico completo di degustazione all’interno di questa famosa regione vinicola della California.

Ci sono più di 250 cantine nella sola Napa Valley, quindi prima di partire è bene selezionarne 2 o al massimo 3, per essere sicuri di non farsi sfuggire nulla e di godere in tranquillità delle cantine migliori.

La Highway 29 è la strada principale che attraversa il cuore di Napa, capoluogo di contea, la prima città che è anche, in sostanza, la porta di ingresso alla Valle: si tratta di un centro molto orientato all’accoglienza turistica.

Proseguendo sempre sulla Highway 29 si incontra la piccola Yountville, probabilmente uno dei centri rurali più interessanti della regione. La città è famosa per ospitare uno dei ristoranti più rinomati della West Coast: French Laundry, cucina francese di altissimo livello. Ma non solo! L’inizio della produzione vinicola nella Napa Valley risale al 1836, quando il colono George Calvert Yount, uno dei primi a raggiungere la zona, impianta il primo vigneto della valle. Yountville deve il suo nome proprio a questo colono.

Proseguendo in direzione nord si incontrano molti altri piccoli centri: Rutherford, St. Helena e Castioga… Il modo migliore per visitare questa splendida regione è insomma il più classico dei viaggi on the road: per gli amanti del sole e del vino, non c’è meta migliore per fare una gustosa scorta di caldo nel cuore dell’inverno!

Buon viaggio e… buona degustazione!

share TWEET share